Camponotus maculatus subsp. xanthomelas

Emery, C., 1905, Le forme paleartiche del Camponotus maculatus F., Rendiconto delle Sessioni della R. Accademia delle Scienze dell'Istituto di Bologna 9, pp. 27-44: 34-35

publication ID

11711

persistent identifier

http://treatment.plazi.org/id/8463FDEC-E3E8-4C8E-7D8C-56FD6DD9F35A

treatment provided by

Christiana

scientific name

Camponotus maculatus subsp. xanthomelas
status

 

C. maculatus xanthomelas  HNS  nom. nov.

{ C. maculatus dichrous  HNS  For. 1890, non 1879).

Il mutamento di nome e giustificato da quanto ho detto sopra a pag. 33. La forma che designo sotto il nuovo nome differisce da barbaricus  HNS  e pilicornis per le guance senza peli ritti, da quest'ultimo e dalle sue varieta per le tibie fornite di carena e solco. Le misure corrispondono ali' incirca a quelle del maculatus  HNS  barbaricus  HNS  , pero i massimi esemplari visti da me sono piu snelli, con la testa meno grossa di quella del barbaricus  HNS  .

Ritengo che si debbano separare dalla sottospecie xanthomelas  HNS  le forme a tibie non carenate, come m as-siliensis For., baldaccii  HNS  Emery e' kattensis  HNS  Fqr., considerate dal Forel come varieta del suo dichrous. Ho riferito la prima come varieta al pilicornis; la seconda costituisce una sottospecie propria dell' Oriente (Creta e Asia minore) e ben distinta per la scultura debole che lascia il capo lucido; in quanto alla terza, essa non ha aculei alle tibie ed ha le guance pelose; per questi caratteri e per le proporzioni del corpo (esemplari massimi 9 mm., tibia posteriore 2.7) ritengo debba riferirsi al gruppo del C. mitis F. Sm.  HNS  , come sottosueecie distinta (1).

Resta la forma imalaiana censiderata dal Forel come identica al dichrous tipico. Anche questa e molto piu piccola del tipo xanthomelas  HNS  (massimo 9 mm. tibia posteriore 2.9). Ha le tibie scanalate e le guance senza peli. Senza volere formulare un giudizio definitivo, vista la scarsezza del mio materiale di confronto, mi sembra che quella forma si avvicini molto al C. maculatus basalis  HNS  F .. Sm. ( lobinieri  HNS  For.) di cui si potrebbe considerare come varieta di colore.

In conclusione il C. maculatus dichrous  HNS  For. costituisce un complesso artificiale di forme aventi in comune soltanto la colorazione, ma differenti per caratteri di struttura e riferibili percio a gruppi naturali disparati.