Camponotus maculatus subsp. maculatus

Emery, C., 1905, Le forme paleartiche del Camponotus maculatus F., Rendiconto delle Sessioni della R. Accademia delle Scienze dell'Istituto di Bologna 9, pp. 27-44: 38-39

publication ID

11711

persistent identifier

http://treatment.plazi.org/id/F3C58B27-D132-6C72-83FC-6291BC0D37C4

treatment provided by

Christiana

scientific name

Camponotus maculatus subsp. maculatus
status

 

C. maculatus maculatus  HNS  F.

Mi rivolgo in ultimo alla forma tipo della specie che, diffusa in gran parte dell' Africa, apparisce quasi come un'intrusa nella regione mediterranea, seguendo le sponde del mar Rosso e la valle 1 del Nilo. Essa non ha affinita strette con nessuna forma mediterranea, mentre in Africa ha connessioni molteplici e in parte tuttora mal conosciute.

Dal C. maculatus ritengo che si parta un numeroso gruppo di forme a tibie non aculeate, gruppo che incomincia nell'Africa australe col C. maculatus liocnemis  HNS  descritto sopra e si continua in Madagascar con un labirinto di forme difficili a discriminare (hova, radamae, boivini etc), studiate e descritte dal Forel. Ne mancano altre forme affini nel continente africano, come guttatus  HNS  Emery di Kamerun e pictiventris  HNS  Mayr del Capo di Buona Speranza.

Ne il sistema delle forme piu o meno affidi al tipico maculatus  HNS  si limita a questo gruppo relativamente omogeneo. L'Africa possiede un gran numero di forme dal- 1 " addome macchiato, in parte descritte, in parte no ,, delle quali rinunzio a fare, la critica, mancando per questo un, materiale, sufficiente. Parte di queste forme ' sembra costituire una serie intermedia fra il tipico maculatus  HNS  e il gigantesco liengmei For. Attualmente la conoscenza sistematica di questo e di altri gruppi africani appartenenti al - complesso maculatus  HNS  si trova in quel periodo caotico in cui vent' anni addietro si trovava quella delle forme mediterranee.

Una critica accurata di queste ultime, quale ho tentato di fare nelle pagine precedenti, fa riconoscere che piu ci si addentra nella conoscenza delle singole forme, e meglio esse appariscono definite morfologicamente e geograficamente. Le forme intermedie che, ad un esame superficiale, sembravano ricongiungerle fra loro si rivelano almeno in parte, quando siano meglio conosciute, quali forme determinate e proprie. Cosi le forme mediterranee credute intermedie, il cui nome nella nomenclatura composta primitiva del Forel conteneva P elemento « maculatus  HNS  » sono scomparse, per far luogo ai nomi di sanctus e xanthomelas  HNS  ( dichrous  HNS  For. pari); il silvatico-cognatus viene eliminato come non esistente, la forma sedicente tale essendo, a mio avviso, una varieta minore del barbaricus  HNS  ( cognatus  HNS  auct.); il cognato-pilicornis orientale si riannoda al samius; il silvatico-aethiops si stacca totalmente dal silvaticus  HNS  e deve essere considerato come varieta dell' aethiops  HNS  .

Affermando questo, non intendo negare che ci siano vere forme intermedie a gradazioni insensibili, come p. es. quelle noverate dal Forel tra xerxes e compressus  HNS  e tra oertzni  HNS  e aethiops  HNS  . Pero queste non si troveranno dovunque e tra qualsiasi coppia o gruppo di forme, ma soltanto tra quelle geograficamente limitrofe e filogeneticamente affini. Questo concetto teorico, che risulta dalla sintesi consecutiva ali' analisi critica delle singole forme, si accorda. coi principii della dottrina dell' evoluzione; non dubito che. esso reggera alla prova della esperienza. Alla luce di questo concetto teorico, il caos si trasforma in un complesso intricatissimo, ma coordinato dalle affinita morfologiche e corologiche. E queste, presentano fra loro strette relazioni, come. mostrano le due piccole carte annesse a questo scritto; esse sono tanto eloquenti nella loro forma grafica, da. non abbisognare di ulteriore commento.