Aphaenogaster oculata, Emery, 1899

Emery, C., 1899, Formiche di Madagascar raccolte dal Sig. A. Mocquerys nei pressi della Baia di Antongil (1897 - 1898)., Bollettino della Societa Entomologica Italiana 31, pp. 263-290: 276-277

publication ID

3815

persistent identifier

http://treatment.plazi.org/id/01F7C4AD-CADF-B479-1580-C81B1BED898D

treatment provided by

Christiana

scientific name

Aphaenogaster oculata
status

n. sp.

Aphaenogaster oculata   HNS   n. sp.

[[ queen ]] Ferrugineo-testacea, con le antenne, le zampe e il gastro piu chiari; opaca col gastro lucido; irta di numerosi e sottili peli. — Il capo e subquadrato, con gli angoli ritondati; gli occhi grandissimi occupano piu della terza parte dei lati del capo, distano dal suo margine posteriore circa quanto e lungo il loro diametro longitudinale, la loro estremita anteriore e molto vicina all'articolazione delle mandibole. Clipeo e area frontale sono lisci e lucidissimi, questa profondamente impressa e indistintamente separata dal clipeo. Le mandibole liscie e lucide hanno due grossi denti apicali, cui seguono altri denticelli minuti. Tutto il capo e coperto di rughe reticolate, il fondo delle maglie formato da esse finamente punteggiato. Lo scapo delle antenne oltrepassa l'occipite per un terzo circa della sua lunghezza, il flagello e sottilissimo, con i 3 ultimi articoli distintamente piu lunghi degli altri, ma appena ingrossati. Il torace ha la stessa scultura del capo, salvo la faccia declive dell' epinoto che e liscia e lucidissima. Lo scutello sta nello stesso piano del disco del mesonoto; sul profilo, la parte posteriore dello scutello, il post-scutello e l'epinoto discendono, quasi con inclinazione uniforme, fino all'articolazione del peziolo; le spine sono robuste, compresse, debolmente curvate in basso. Sul profilo, il peziolo apparisce cuneiforme, con la sua massima altezza presso l'estremo posteriore, assottigliato in avanti e fornito inferiormente di una minutissima spina verso il quarto anteriore; veduto di sopra, si mostra meno di due volte lungo quanto e largo in avanti, dilatato verso il terzo posteriore; il post-peziolo e rotondeggiante, di un quarto circa piu largo del peziolo; entrambi sono finamente punteggiati e subopachi. Le zampe sono lunghe e non molto sottili, i femori alquanto ingrossati nel mezzo. Le ali sono ialine col pterostigma e le coste gialli. L. 5 1 / 4 mm,; scapo 1.4, femore post. 1. 5.

Un solo esemplare.