Apalonia tupiorum, Pace, 2009

Pace, Roberto, 2009, Nuovi dati faunistici e tassonomici su Aleocharinae delle tribù Lomechusini, Hoplandriini, Oxypodini e Aleocharini del Sudamerica (Coleoptera, Staphylinidae), Beiträge Zur Entomologie = Contributions to Entomology 59 (1), pp. 133-173: 143

publication ID

http://doi.org/ 10.21248/contrib.entomol.59.1.133-173

DOI

http://doi.org/10.5281/zenodo.4794719

persistent identifier

http://treatment.plazi.org/id/03B0D35A-FF85-AC53-466B-FC4F9A58CE1E

treatment provided by

Carolina

scientific name

Apalonia tupiorum
status

n. sp.

Apalonia tupiorum   n. sp.

( Figg. 32-35 View Figg )

Materiale tipico: Holotypus , Brasilien, Sta. Catharina, Theresopolis, leg. S. Fruhstorfer ( MB)   .

Paratypi: 1  e 2 , Brasilien, Sta. Catharina, Lages Hochlands, leg. S. Fruhstorfer ( MB), ( MRSNT)   .

Descrizione:

Lunghezza 2,5 mm. Corpo lucido e bruno-rossiccio; antenne bruno-rossicce con i tre antennomeri basali giallo-rossicci; zampe giallo-rossicce. Granulosità del capo e del pronoto fine e saliente, quella delle elitre assente. Reticolazione del capo forte, quella del pronoto e delle elitre superficiale, quella dell’addome manca. Uroterghi liberi nudi, senza pubescenza. Sesto urotergo libero del maschio attraversato trasversalmente da uno spigolo sinuato saliente. Edeago figg. 33-34, spermateca fig. 35.

Comparazioni:

L’habitus della nuova specie è simile a quello di A. glabricollis ( BERNHAUER, 1940)   , della Costa Rica (serie tipica del DEI da me esaminata), ma l’apice distale dell’edeago della nuova specie, in visione ventrale, è assai stretto, largo metà che in glabricollis   . La spermateca è simile nelle due specie, ma è snella nella nuova specie e tozza in glabricollis   .

Etimologia: La nuova specie prende nome dal locale gruppo etnico brasiliano dei Tupì.

MB

Universidade de Lisboa, Museu Bocage