Acrocyusa forticornis, Pace, 2009

Pace, Roberto, 2009, Nuovi dati faunistici e tassonomici su Aleocharinae delle tribù Lomechusini, Hoplandriini, Oxypodini e Aleocharini del Sudamerica (Coleoptera, Staphylinidae), Beiträge Zur Entomologie = Contributions to Entomology 59 (1), pp. 133-173: 164-165

publication ID

http://doi.org/ 10.21248/contrib.entomol.59.1.133-173

DOI

http://doi.org/10.5281/zenodo.4794821

persistent identifier

http://treatment.plazi.org/id/03B0D35A-FF90-AC79-47D7-FB149F76CA50

treatment provided by

Carolina

scientific name

Acrocyusa forticornis
status

n. sp.

Acrocyusa forticornis   n. sp.

( Figg. 104-105 View Figg )

Materiale tipico: Holotypus , Brasilien, Nova Teutonia , VII.1955 - XI.1955, 300- 500 m, leg. Plaumann ( MB)   .

Paratypi: 3 , stessa provenienza ( MB), ( MRSNT)   .

Descrizione:

Lunghezza 3 mm. Corpo lucidissimo e rossiccio, con quarto urotergo libero bruno-rossiccio; antenne bruno-rossicce con i due antennomeri basali giallo-rossicci; zampe rossicce. Punteggiatura del capo evidente e assente sulla fascia longitudinale mediana, quella del pronoto fine e molto superficiale. Granulosità delle elitre saliente, quella dell’addome fine. Reticolazione assente su tutto il corpo. Quattro punti forti sul disco del pronoto. Solchi trasversi basali punteggiati. Spermateca fig. 105.

Nota:

Acrocyusa BERNHAUER, 1930   , è stato descritto come sottogenere di Ocyusa KRAATZ, 1856   . In questa sede è considerato genere a sé stante per le antenne molto clavate.

Comparazioni:

A motivo delle antenne fortemente clavate, la nuova specie è simile ad A. grandicornis   BERN- HAUER, 1930, del Congo. Se ne distingue per avere il corpo rossiccio con quarto urotergo libero bruno-rossiccio (nero e nero-bruno in grandicornis   ), per l’undicesimo antennomero brunorossiccio e non giallo-rossiccio come in grandicornis   , per gli occhi molto più corti delle tempie (occhi lunghi quanto le tempie in grandicornis   ) e per l’undicesimo antennomero lungo quanto i quattro precedenti riuniti (il medesimo poco più lungo dei due antennomeri precedenti riuniti in grandicornis   ).

Etimologia: Il nome della nuova specie significa «antenne forti» a motivo delle sue robuste antenne.

MB

Universidade de Lisboa, Museu Bocage

Kingdom

Animalia

Phylum

Arthropoda

Class

Insecta

Order

Coleoptera

Family

Staphylinidae

Genus

Acrocyusa

Loc

Acrocyusa forticornis

Pace, Roberto 2009
2009
Loc

Acrocyusa

BERNHAUER 1930
1930
Loc

Ocyusa

KRAATZ 1856
1856