Spanioda brasiliana, Pace, 2009

Pace, Roberto, 2009, Nuovi dati faunistici e tassonomici su Aleocharinae delle tribù Lomechusini, Hoplandriini, Oxypodini e Aleocharini del Sudamerica (Coleoptera, Staphylinidae), Beiträge Zur Entomologie = Contributions to Entomology 59 (1), pp. 133-173: 167-168

publication ID

http://doi.org/ 10.21248/contrib.entomol.59.1.133-173

DOI

http://doi.org/10.5281/zenodo.4794835

persistent identifier

http://treatment.plazi.org/id/03B0D35A-FFAD-AC7A-466B-FC269F2DCC7D

treatment provided by

Carolina

scientific name

Spanioda brasiliana
status

n. sp.

Spanioda brasiliana   n. sp.

( Figg. 111-113 View Figg )

Materiale tipico: Holotypus , S. Brasilien, Theresopolis, XU.1904, leg. Michaelis ( MB)   .

Descrizione:

Lunghezza 4 mm. Corpo lucidissimo e nero-bruno con pigidio rossiccio; antenne giallorossicce con i tre antennomeri basali gialli; zampe giallo-rossicce. Punteggiatura del capo e delle elitre molto superficiale, quella del pronoto evanescente e infittita sulla fascia longitudinale mediana. Reticolazione assente su tutto il corpo. Pronoto con lieve depressione mediana posteriore. Solchi trasversi basali dei quattro uroterghi liberi basali con punteggiatura forte. Edeago figg. 112-113.

Comparazioni:

La nuova specie presenta pronoto notevolmente sinuato ai lati. Questo carattere, anche se attenuato, si osserva anche in S. pectoralis ( SOLIER, 1849)   , del Cile (serie tipica da me esaminata). Oltre ad avere il pronoto molto sinuato ai lati, la nuova specie presenta il quarto antennomero assai più lungo che largo (poco più lungo che largo in pectoralis   ) e l’edeago è fortemente e bruscamente dilatato nella porzione distale, in visione ventrale, e non a lati quasi paralleli come in pectoralis   .

Etimologia: La nuova specie prende nome dal Brasile.

Hoplandriini  

MB

Universidade de Lisboa, Museu Bocage